In vigneto si pratica una viticoltura antica con qualche cenno di modernità. Le potature sono corte, e le rese sono basse, ottenute con diradamenti spesso realizzati con due  – tre passaggi in vigneto. La gestione del vigneto, segue i dettami dell’agricoltura integrata, la quale limita l’apporto dei prodotti di sintesi prediligendo lavorazioni meccaniche, e metodi di lotta a basso impatto ambientale. Nell’ottica di questa rispetto per l’ambiente, nell’annata 2010 e in quella attuale, in parte dei vigneti l’azienda ha sperimentato la confusione sessuale per la lotta alle tignole della vite, eliminando così gli insetticidi di sintesi.

_MG_0241-3